The „ideal“ institutional money came to Bitcoin

MicroStrategy’s entry into the crypto market has brought a new friend to Bitcoin.

A few weeks ago we received the news that a publicly traded company, MicroStrategy, was making a significant investment in bitcoin (BTC), completing the purchase of nearly half a billion dollars in BTC, and that they are now part of the reserves of their treasury. Despite the fact that the topic has been discussed a lot and that the company’s CEO has given a significant amount of interviews in this time frame, I find it significant to return to this purchase, especially because of the elements surrounding its realization.

Let’s remember that last August 10th, the company reported the acquisition of 21,454 BTC, becoming the first publicly traded company in the United States to make a purchase of this type. Just a few days later, the figure rose to 38,250 BTC, with a total average price of $11,000. According to Michael Saylor, the company’s CEO, the first BTCs were acquired after 78,388 off-chain transactions.

„This investment reflects our belief that Bitcoin, as the most widely adopted crypt-currency in the world, is a reliable store of value and an attractive investment asset with more potential for long-term appreciation than cash. Since its inception more than a decade ago, Bitcoin has emerged as a significant addition to the global financial system, with features that are useful to both individuals and institutions. MicroStrategy has recognized Bitcoin as a legitimate investment asset that can be superior to cash, and as a result, has made Bitcoin the primary stake in its cash reserve strategy,“ explained Saylor in the official release of the decision.

A key element of this story is that Saylor, 55, was a staunch critic of Bitcoin in its early days. In fact, if we consider his first comments on the subject, the change of opinion is striking and even somewhat paradigmatic.

As a detail, remember that in 1987 he graduated with a double specialization in aeronautics and astronautics; and in science, technology and society. In addition, he is the longest serving CEO in his position, which he has held since before 2000, at a company specializing in „business intelligence“, which is why he has excelled at MicroStrategy. He even sold an Internet domain name -voice.com- for $35 million. Among his investments are companies such as Apple, Facebook or Twitter, which he said he saw the potential of even in their early ages.

In 2013, Saylor went so far as to say „Bitcoin’s days are numbered. It seems it’s only a matter of time before it suffers the same fate as online gambling,“ and even that „without a credible sponsor, Bitcoin is in imminent danger of being regulated and ceasing to exist. These were some of your thoughts on the cryptomoney created by Satoshi Nakamoto, what changed?

Inflation: a key element in falling through the rabbit hole

Saifedean Ammous, Andreas Antonopoulos, Anthony Pompiliano, Vijay Boyapati, Parker Lewis… These are some of the proper names that have helped Bitcoin’s little worm end up convincing Saylor’s will. Not a „formal“ education, knowledge about a specific subject, of very high quality and completely free and available on the Internet.

However, the determining factor in this change of mindset has been the inflation that is projected over the global economy, especially from the different stimulus packages that have been generated at a global level with the United States as the key to the weight of these economic measures.

Having cash on hand is not competitive, especially in a world that increasingly favors investment strategies that generate better returns. This is Saylor’s thesis to bet on the orange.

Why would anyone put $425 million on a product they don’t trust? Because the learning process that Saylor has gone through, added to the macroeconomic panorama (of which he has indicated he is very aware as a high-level investor), has led him to value any investment element that does not depreciate. Cash must be disposed of quickly but efficiently.

However, when considering market options, Saylor himself has realized that each of the potential candidates has its own weaknesses. In the final competition, between gold and Bitcoin – and here we might suggest that influenced directly by Ammous and the Austrian economy – it is a „harder than gold“ commodity.

Tre centrali elettriche iraniane saranno presto in miniera Bitcoin

Tre grandi centrali elettriche in Iran offriranno presto la loro produzione di energia esclusivamente per l’estrazione mineraria di Bitcoin Bank la Thermal Power Plant Holding Company (TPPH) del paese, ha annunciato lunedì, come da un servizio del Teheran Times.

Le centrali elettriche iraniane ricevono benefici e sussidi dal governo per le loro forniture di combustibile, che a loro volta vengono utilizzate per produrre energia. E mentre prima era stato loro proibito di estrarre valute crittografiche, una nuova sentenza a luglio ha permesso alle centrali elettriche di impegnarsi nel business, dopo aver ottenuto la necessaria approvazione del governo, le licenze e il rispetto delle tariffe stabilite per l’estrazione delle valute crittografiche.

La TPPH ora vuole una fetta di quella torta. Ha detto che presto offrirà una gara d’appalto per la produzione di energia elettrica di tre centrali elettriche per l’estrazione mineraria Bitcoin.

„Gli impianti necessari sono stati installati in tre centrali di Ramin, Neka e Shahid Montazeri, e i documenti dell’asta saranno caricati sul sito web SetadIran.ir nel prossimo futuro“, ha detto il capo della TPPH Mohsen Tarztalab.

Tarztalab ha detto che la vendita di energia elettrica ai minatori Bitcoin ha presentato un nuovo e stabile modo di generare profitti nel settore elettrico

Ha aggiunto che le tre centrali elettriche utilizzeranno le loro turbine di espansione solo per l’estrazione mineraria Bitcoin, che utilizza il gas naturale per produrre energia ed è un’alternativa più economica rispetto ai combustibili liquidi come il gasolio.

Tali turbine non sono collegate alla rete nazionale – che distribuisce l’energia elettrica in tutto il paese per scopi commerciali – e saranno interamente utilizzate dai piani energetici per estrarre la Bitcoin, ha spiegato Tarztalab.

L’adozione del Bitcoin per un motivo

La sentenza di luglio è considerata un salvatore per l’industria elettrica del paese. I ripetuti aumenti dei prezzi e l’obbligo di fornire elettricità a prezzi stabili agli abbonati ha creato profitti in calo per i produttori di energia elettrica iraniani in passato, ha osservato il rapporto.

L’adozione della Bitcoin da parte dell’Iran arriva in un momento in cui il Paese è alle prese con una triste prospettiva economica e con le sanzioni commerciali internazionali imposte da governi influenti, come gli Stati Uniti, per il suo controverso programma nucleare.

Tuttavia, l’estrazione mineraria Bitcoin sta fornendo loro un nuovo modo per generare reddito, ha aggiunto. E l’estrazione mineraria è una grande opportunità.

I ministri iraniani hanno detto nel 2019 che l’estrazione mineraria regolamentata e su scala industriale della Bitcoin mineraria può attirare, ogni anno, una cifra stimata di 8,5 miliardi di dollari.

ANALISTA: BITCOIN PUÒ AFFRONTARE UNA FASE DI ACCUMULO PROLUNGATA INTORNO AI 9.000 DOLLARI

  • Il Bitcoin si trova ora in una fase di accumulazione persistente e relativamente stretta tra i 10.600 e i 10.800 dollari.
  • La crittovaluta non è stata in grado di pubblicare alcun tipo di reazione ardente a nessuno di questi due livelli, e ha scambiato principalmente tra di essi a 10.700 dollari
  • L’attività di trading laterale di BTC ha fatto poco per offrire un quadro delle sue prospettive a breve termine, ma gli investitori notano che una nuova tendenza si sta avvicinando.
    Un trader ha recentemente presentato un grafico che mostra un potenziale prolungato periodo di consolidamento all’interno della regione a metà dei 9.000 dollari.
    Egli ritiene che ciò si tradurrà, in ultima analisi, in una mossa al rialzo che manderà BTC a crescere in modo significativo

Bitcoin e l’intero mercato della criptovaluta sono stati colti di sorpresa nel corso degli ultimi giorni e settimane.

Mentre il precedente range di trading della crittografia si situava tra i 10.200 e gli 11.200 dollari, ora si è ridotto significativamente, con BTC che si è consolidata tra i 10.600 e i 10.800 dollari.

L’attuale mancanza di slancio ha inferto un duro colpo agli altcoins, in quanto le preoccupazioni riguardanti una potenziale imminente tendenza al ribasso hanno indotto gli investitori a fuggire da posizioni a rischio più elevato.

Detto questo, un analista sembra credere che una mossa più bassa sia imminente, anche se questo può portare ad una fase di consolidamento che viene prima del prossimo intenso rally di Bitcoin.

BITCOIN SI CONSOLIDA MENTRE TORI E ORSI RAGGIUNGONO UN’IMPASSE

Al momento della scrittura, Bitcoin è in calo di poco più dell’1% al suo attuale prezzo di 10.715 dollari. Questo è all’incirca il prezzo a cui è stato scambiato negli ultimi due giorni.

Da quando BTC è stata respinta a $11.200 la scorsa settimana, entrambe le parti non sono state in grado di raccogliere abbastanza forza per creare uno slancio sostenibile.

Con il restringersi della fase di consolidamento, tuttavia, indica che si sta avvicinando una mossa esplosiva.

ECCO DOVE UN ANALISTA PENSA CHE LA PROSSIMA TENDENZA DI BTC SARÀ QUELLA DI BTC

Un trader ha spiegato in un recente post sul blog che un livello di supporto precedentemente importante sta ora agendo come una forte resistenza – che favorisce gli orsi.

„Un livello piuttosto importante che prima era di supporto, ma che ora sta agendo come resistenza che è un segnale più ribassista quando si tratta di leggere solo la pura azione del prezzo“.

Il grafico a cui fa riferimento qui sotto indica che ritiene che questa resistenza farà sprofondare BTC nella regione dei 9.000 dollari prima di dare il via ad una prolungata fase di consolidamento.

Aggiunge inoltre che una tenuta superiore ai 10.500 dollari è un segno positivo a breve termine, ma la mancanza di un forte sostegno tra i 10.000 dollari e questo livello suggerisce che potrebbe dover scendere più in basso prima di poter iniziare la sua prossima forte tendenza al rialzo.